Politica è ComunicAzione: l’agire già nel nome…

pcSi può fare politica senza fare comunicazione?

Direi proprio di no…certo, non dovrebbero condizionarsi reciprocamente, ma la similitudine automatica tra i due termini non funziona…

La comunicazione viene considerata come una serie di strumenti e abilità tecniche, oppure il settore industriale della produzione di notizie e intrattenimento, cioè l’industria dei media.

Ma c’è un altro modo di considerare la comunicazione che si va sempre più affermando negli ultimi decenni.

Cioè, un fenomeno culturale, un processo di costruzione e rigenerazione di significati, non solo trasmissione di messaggi e informazioni.
Un gioco senza fine che mette in campo risorse cognitive ed emotive.

Comunicare è agire.

È un comportamento, conscio o inconscio, volontario o involontario.
Non si può non comunicare.

Considerare la comunicazione come uno strumento di trasmissione non porta da nessuna parte, né a una maggiore capacità di interagire con il nostro tempo né ad una migliore capacità di interagire con la logica dei media che, volenti o nolenti, sta dettando i tempi della nostra vita sociale.

Quello che passa invece, è uno strano messaggio dissonante: si organizzano eventi rituali e simbolici fortemente spettacolarizzati come le “grandi” manifestazioni, si fanno campagne pubblicitarie, si cerca in tutti i modi di imporsi all’attenzione dei media, ma si continua a dire poi, sempre più spesso, che si è contro la politica ridotta a mera comunicazione.

Ora, nel nostro tempo, cosa significa fare politica se non interagire con il settore dei media (informazione), direttamente o indirettamente, parlando e coinvolgendo le persone con azioni capaci di fare notizia (comunicazione)?

Ogni decisione politica, ogni decisione di governo o amministrativa, va pensata e messa in atto considerandone la sua intrinseca dimensione comunicativa, e vanno considerate, anticipatamente, le conseguenze comunicative della decisione assunta.

Il fatto è che oggi in tv e, soprattutto, sul web, il comportamento politico (e non solo quello dei politici) è inserito in un mare magnum dove tutto comunica con tutto.

Non può che essere così.

Chi agisce politicamente (e quindi agisce comunicativamente) dovrebbe saperlo, prevederlo, governarlo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...